Che titolo vuoi dare al tuo ricettario?

Modifica il titolo del ricettario

Cancella il ricettario

Sei sicuro di voler eliminare questo ricettario? Le ricette in esso contenute sono ancora disponibili nella tua raccolta di ricette.

Gnudi di ricotta con funghi saltati e burro alla salvia

Gnudi di ricotta con funghi saltati e burro alla salvia

12 h 20 min

Una variante tipicamente toscana dei ravioli senza pasta, preparata con la ricotta e servita con funghi, foglie di barbabietola e burro alla salvia.

  • vegetariano

Ingredienti

Piatto principalePer 2 persone

Perché non posso scegliere liberamente le dosi?

Niente più rischi o imprevisti

Per 4, 8 o 12 persone? Nelle ricette di Migusto, puoi modificare il numero delle persone o delle porzioni, variando così le quantità degli ingredienti, ma solo quando è garantita la riuscita della ricetta.

Per ca. 8 pezzi

  • 200 gdi ricotta
  • 30 gdi parmigiano grattugiato fresco
  • 1tuorlo
  • 20 gdi farina
  • ¼ didi limone (solo la scorza)
  • sale
  • pepe
  • noce moscata
  • ca. 150 gdi farina per spätzli o semola di grano duro
  • 300 gdi funghi misti, ad es. champignon, shiitake, cardoncelli
  • 2 cucchiaid’olio d’oliva
  • 50 gdi burro
  • 3 ramettidi salvia
  • qualchefoglie di barbabietola o insalata novella
  • scaglie di parmigiano
Kilocalorie
920 kcal
3.800 kj
Proteine
34 g
15,2 %
Grassi
55 g
55,3 %
Carboidrati
66 g
29,5 %

Come procedere

Preparazione:
ca. 20 minuti
ammollo tutto la notte
Tempo totale:
12 h 20 min
  1. In una scodella versate la ricotta, il parmigiano, il tuorlo, la farina e un po’ di scorza di limone grattugiata finemente. Condite con sale, pepe e noce moscata e mescolate fino a ottenere un composto omogeneo. Cospargete di semola di grano duro un piatto da portata e sulla superficie di lavoro. Con la massa formate 8 quenelle uniformi, aiutandovi con due cucchiai e fatele rotolare nella semola. Modellate le quenelle con cura e formate delle palline. Accomodatele nel piatto. Cospargetele di semola e fatele riposare in frigo per 8-10 ore senza coprirle.

    Ci sei quasi!
  2. Mondate i funghi. Tagliate a fette i funghi grossi e lasciate interi quelli piccoli. Rosolateli nell’olio per qualche minuto. Conditeli con sale e pepe. Fate fondere il burro in un tegame. Unite le foglie di salvia e rosolatele finché non diventano croccanti. Nel frattempo, liberate gli gnudi dall’eccesso di farina e cuo­ceteli in acqua salata per ca. 3 minuti.Aggiungete 2 cucchiai di acqua di cottura al burro e salvia. Estraete gli gnudi con una schiumarola e versateli nel tegame. Conditeli bene e serviteli con i funghi, le foglie di barbabietola e le scaglie di parmigiano.

    Ci sei quasi!

Valori nutrizionali per porzione

Consigli utili

La ricotta acquistata al supermercato è più bagnata di quella prodotta fresca e acquistabile al reparto specialità. Per fare in modo che la massa degli gnudi abbia la giusta consistenza, aggiungete a piacere più parmigiano o farina. Gnudo deriva dal toscano e significa nudo, in quanto questa varietà di ravioli è preparata solo con il ripieno, senza la sfoglia di pasta che lo avvolge.

Iscriviti e valuta

Ricette correlate

Fatti ispirare